Logo
Stampa questa pagina

La Comunicazione negli Studi Professionali: Avvocati in Primis

La Comunicazione negli Studi Professionali: Avvocati in Primis

Sembra strano che proprio gli Avvocati destinati per loro vocazione a dover parlare, esporre, illustrare  le ragioni delle parti, non siano capaci di Comunicare la loro attività a terzi. Lo strumento della  Comunicazione è una caratteristica poco comune a tutti gli Studi professionali; le Relazioni pubbliche, il Marketing  sono ancora completamente sconosciuti.

Avere una normale vita di relazione con i propri possibili interlocutori sembra che non sia nelle corde dei Professionisti: questo tipo di azioni -  Ordine Professionale a parte - non compete ed è considerato a volte disdicevole dagli stessi interessati.

Malgrado leggi ad hoc (Bersani 2006) atte a finalizzare la possibilità di comunicare a terzi informazioni sulla propria professione, pochi  sono coloro che hanno utilizzato questa nuova apertura. Occorre  che i Professionisti sblocchino la loro reticenza a proporsi utilizzando la Comunicazione come un elemento strategico per ampliare la propria offerta e per promuovere  la propria attività.

Ma perché manca  la Comunicazione negli Studi professionali? I Professionisti sono privi di una mentalità di Marketing, intesa come disciplina atta a conoscere le esigenze di mercato, in quanto è stato sempre il Cliente a cercarli. Il vecchio sistema è stato accettato per anni: va bene se sono l’unico a vendere il sale, ma oggi sul mercato ci sono tanti venditori di sale e quindi debbo far sapere che "tipo" di sale offro.  

"Forse ..... D'accordo, ma c'è l'Ordine....."

Osteggiamento, o meno, i Professionisti - specialmente i Nuovi Professionisti - debbono far conoscere la loro presenza e offerta per migliorare il Posizionamento che hanno nel territorio in cui desiderano  svolgere la loro attività.

Oggi c'è una sfida continua. I grandi Studi stranieri vengono nel nostro Paese, nelle nostre città e propongono, anzi impongono, la loro presenza, le loro prestazioni mediante un'attività di Comunicazione, di Conoscenze e soprattutto di Relazioni che bypassa la vecchia concezione di "attesa passiva del Cliente" della nostra classe di Avvocati, Ingegneri, Commercialisti, Etc.

Senza particolari enfasi, la Comunicazione può essere espletata sottovoce e con stile:  un Convegno organizzato, una nuova Brochure, un Sito Interattivo, un Forum con Clienti e Non Clienti, Articoli su riviste specializzate o meno, Newletters, ecc costituiscono un’ottima presentazione.

I Professionisti hanno bisogno di implementare lo spirito di Pubblic Relation. Sembra che i contatti "umani" da parte di questa categoria si siano oltremodo affievoliti e si limitino solo alle problematiche concernenti il caso in esame:il Cliente non è  una pratica da svolgere, ma un essere umano. Anche il semplice contatto diretto è espressione di comunicabilità, quando non è delegato ad una Segretaria oppure ad una fredda E mail.

Presentiamoci! Abbiamo il coraggio di illustrare qualche punto di vista professionale al mondo esterno. Esponiamo  una tesi nell'ambito della  Professione. Ci saranno persone che la condivideranno o meno,  piacerà, non piacerà, dipende molto  se abbiamo veramente qualcosa da dire. Se condivisa ci chiameranno, per discuterne, per dissentire, per una  consulenza, abbiamo suscitato attenzione.

Tutti i diritti riservati